Lim, tablets e dispositivi tecnologici sono ormai entrati in quasi tutte le classi italiane, connettendo le scuole in rete e rivoluzionando il mondo della didattica.

A raccontare questa evoluzione è in arrivo un ebook dal titolo “Wcare: con i giovani nella classe digitale”, un vademecum per docenti e educatori che raccoglie il punto di vista e l’esperienza del Centro nazionale delle opere salesiane sull’uso e l’impatto delle nuove tecnologie in aula. La guida sarà presentata in occasione del convegno "Leggere e crescere tra carta e digitale", martedì 21 aprile, alle 16.30, al Pio XI (via Umbertide 27, Roma). Tra i relatori, sarà presente anche Massimiliano Smeriglio, vicepresidente della Regione Lazio e assessore alla formazione, ricerca, scuola e università.

Un’avventura digitale che i docenti della Formazione Professionale e della scuola media e superiore dei Salesiani di Roma hanno già intrapreso da parecchi anni aprendo le porte, in tempi ancora non sospetti, a strumenti usati abitualmente fuori dalla scuola per accorciare le distanze tra professori e studenti e consentire una lezione più interattiva, coinvolgente ed efficace. Un approccio che si è rivelato nel tempo un ottimo strumento di contrasto dell’abbandono scolastico.

 

La scuola media e i licei del Pio XI sono la scuola di Don Bosco a Roma. La centralità del giovane è la peculiarità fondante del progetto educativo che invita ogni adulto (docenti e genitori) ad impegnarsi per garantire una scuola di qualità, diritto inalienabile di ogni ragazzo. L’invito pressante di don Bosco ad “amare ciò che amano i giovani” è la sintesi di un progetto complesso che spinge continuamente a innovare e a migliorare la didattica per il bene dei ragazzi, affinché nessuno si senta escluso.

 Il Centro di Formazione Professionale del Pio XI che opera da anni nel settore della grafica e della stampa, offre ai propri studenti una opportunità concreta di inserimento professionale riconosciuto dalle più importanti imprese grafiche della capitale, anche grazie al proprio ruolo di capofila del Polo Grafico tecnologico e formativo di Roma che racchiude al suo interno l’Università Lumsa, l’IIS Carlo Urbani, la rete degli imprenditori grafici Assografici e l’Ente nazionale per l’istruzione professionale grafica.

Il convegno “Leggere e crescere tra carta e digitale” è l’occasione per condividere i passi fatti dalla formazione professionale e dalla scuola salesiana di Roma, con genitori, studenti, imprenditori, docenti e chiunque abbia a cuore l'educazione dei giovani.

In questa occasione, verrà anche proiettato un cortometraggio inedito dal titolo “Scuola 2.0” realizzato da una giovane troupe capitanata dalla regista Gloria Giordani, insieme al direttore della fotografia Simone Adriollo, con la supervisione della giornalista Elisa Maria Giannetto. Il prodotto audiovisivo è stato finanziato dall’Associazione Cnos-Fap e dalla Regione Lazio.